Hoher Kontrast Grafische Version

News

Menschen mit Behinderung, 30.05.2012 08:36
In montagna senza limiti: facilitato per i disabili il transito su strade forestali

Per le persone disabili è diventato molto più facile fare una gita in montagna: infatti è entrata in vigore una legge provinciale che facilita il transito su strade solitamente chiuse al traffico, come quelle forestali. L'introduzione della normativa viene accolta con soddisfazione dalla Federazione per il Sociale e la Sanità. Significa poter fare in piena autonomia le stesse cose che abitualmente fanno le persone senza difficoltà di deambulazione.


È stato recentemente modificato a favore delle persone invalide con difficoltà di deambulazione il regolamento per la circolazione su strade chiuse al traffico sulla base della Legge provinciale 8 maggio 1990 n. 10. È stata abrogata la limitazione a 10 corse per anno solare, come anche la necessità di richiedere ogni volta presso le stazioni forestali un contrassegno (“autorizzazione”) sulla base di un’attestazione medica appositamente rilasciata da uno specialista. Insomma, finora era abbastanza complicata la strada per fare una piccola gita domenicale.

"Abbiamo lottato molti anni per ottenere una facilitazione", dichiara Stefan Hofer, presidente della Federazione per il Sociale e la Sanità, soddisfatto ora di questa semplificazione. "Sembra poco, ma è un passo importante. Consente alle persone con disabilità più partecipazione sociale e significa per loro anche poter condurre una vita indipendente e autonoma. Le persone disabili vogliono poter fare le medesime scelte nella vita di tutti i giorni come i loro vicini ed amici. Ciò che per alcuni è scontato, per altri è una conquista."

"Significa che le persone disabili e i loro familiari non devono più programmare scrupolosamente una gita domenicale nei boschi con molti giorni di anticipo per ottenere le relative autorizzazioni. Ora è sufficiente esporre in macchina il contrassegno per invalidi, ovvero l’inconfondibile carton-cino arancione", spiega Hofer.

Le persone invalide con difficoltà di deambulazione d’ora in poi possono transitare liberamente su strade forestali solitamente chiuse al traffico esibendo il contrassegno invalidi. Qualora fosse stata apposta una sbarra all’imbocco della strada, possono rivolgersi alla stazione forestale territo-rialmente competente per ritirarne la chiave.

Non c’è pericolo di abusi: il nuovo regolamento riguarda solo un limitato numero di persone, con-sapevoli del valore di questa innovazione e del rispetto della natura, quindi si cercherà comunque di evitare fenomeni come aumento del traffico e parcheggio selvaggio.

È questa un ottima occasione per sfogliare la guida "Vivi la natura senza barriere" che descrive interessanti escursioni negli splendidi paesaggi altoatesini raccolte dalle associazioni AIAS e AEB – Genitori di persone in situazione di handicap, assieme alla cooperativa sociale independent L., tutte e tre associate alla Federazione.
"Le persone disabili vivono la montagna in un modo che è loro proprio, occorre però fare il possi-bile affinché la montagna sia sempre più accessibile" precisa Stefan Hofer.