Hoher Kontrast Grafische Version

Pressearchiv

Bolzano - Ipes: il nuovo presidente è Pfitscher, per 20 anni sindaco di San Leonardo - Durnwalder: è lui la persona giusta per attuare subito il processo di riforma dell’Istituto

È stato per 20 anni sindaco di San Leonardo in Passiria. Attualmente è presidente di Enerpass, la società proprietaria della centrale del paese, e siede nel cda di Sel. Ieri la giunta provinciale ha nominato Konrad Pfitscher alla presidenza dellÂ’Ipes. Subentra ad Albert Pürgstaller che ha lasciato lÂ’incarico dopo 5 anni.
«Non è stato facile - ha ammesso il presidente della giunta provinciale Luis Durnwalder - convincerlo ad accettare l’incarico».
La presidenza dell’Ipes è sempre stata una carica ambita: è diventata scomodata da giugno, ovvero da quando alcuni dipendenti dell’Istituto sono finiti nell’inchiesta della Procura su un presunto giro di microtangenti (somme di denaro, regali, pranzi, cene, spesa fatta e consegnata a domicilio) che gli imprenditori avrebbero dovuto pagare per ottenere in cambio i lavori di manutenzione degli alloggi.
Pfitscher, che come Pürgstaller appartiene allÂ’ala sociale della Svp, arriva in un momento particolarmente difficile. I dipendenti, complessivamente 227, si aspettano un segnale forte di cambiamento. La strada è già stata tracciata: la riforma è stata approvata, nei mesi scorsi, dalla giunta provinciale e dal cda dellÂ’Istituto stesso.
Inoltre, a gennaio, saranno espletati i concorsi per il capo della ripartizione alloggi e servizi all’inquilinato (tedesco) e il capo della ripartizione finanze (italiano). Quest’ultima è una nuova figura che è stata reintrodotta dopo che alcuni anni fa era stata cancellata dall’organigramma.
«Al nuovo presidente - spiega l’assessore competente Christian Tommasini - spetta ora il compito di attuare la riforma assieme al vice Caramaschi e in sinergia con la giunta provinciale».
Durnwalder, che ha gestito in prima persona la scelta del successore di Pürgstaller, è soddisfatto: «Pfitscher è la persona giusta per la presidenza dellÂ’Ipes: nei 20 anni alla guida del Comune di San Leonardo in Passiria, e negli altri ruoli pubblici che ha ricoperto, ha dimostrato di essere un ottimo amministratore. È un funzionario preparato anche dal punto di vista tecnico, e fornisce le migliori garanzie per quanto riguarda la riorganizzazione interna dellÂ’Istituto».
Qualcuno però potrebbe obiettare che la nomina dell’ex sindaco di San Leonardo (non si è ricandidato a maggio perché aveva raggiunto il limite dei mandati, ndr) è di fatto una ricollocazione di un ex amministratore.
«Le critiche ci sarebbero in ogni caso. La verità è che la carica in questione, in questo momento, è tutt’altro che ambita e comunque la norma pone un limite ai mandati, ma non dice che un bravo amministratore non debba più fare niente».
Altra obiezione: circa 8 mila degli oltre 12 mila alloggi Ipes si trovano a Bolzano, non era il caso di nominare un bolzanino che in quanto tale potrebbe avere una conoscenza maggiore delle esigenze del capoluogo?
«Stupidaggini. Pfitscher può contare sulla collaborazione di oltre 200 dipendenti, dirigenti oltre che del vicepresidente Caramaschi che è bolzanino. Del resto sarebbe come dire che io non posso gestire la Provincia, perché sono pusterese». (an.ma.)


Quelle: Alto Adige vom 31.12.2010